You are safer with us

La sicurezza in agricoltura

Pasted Graphic
La Regione Piemonte ha pubblicato la newsletter numero 1 marzo 2011 riguardante gli aspetti della salute e della sicurezza in agricoltura.
Il 17 giugno 2009, al fine di contrastare il fenomeno infortunistico e tecnopatico nel comparto agricolo, il Comitato tecnico interregionale della prevenzione nei luoghi di lavoro ha approvato il Piano nazionale di prevenzione in agricoltura e selvicoltura 2009- 2011.
La Giunta Regionale, con Deliberazione 26-742 del 7 ottobre 2010, ha varato il “Piano regionale di prevenzione in agricoltura e selvicoltura 2010-2012” in conformità ai contenuti e alle linee di indirizzo del Piano Nazionale. Il Piano regionale promuove sinergie e alleanze istituzionali per il raggiungimento dei seguenti obiettivi prioritari.
Gli obiettivi prioritari sono:
  • realizzazione di azioni di informazione, tramite pubblicazioni tecniche e divulgative;
    attuazione di momenti formativi rivolti sia agli operatori dei Servizi di prevenzione, sia agli addetti e alle figure professionali del comparto;
    riduzione dei rischi per la sicurezza e salute degli agricoltori, con attenzione all’uso e al commercio di macchine agricole e attrezzature di lavoro, alle condizioni degli impianti e all’impiego di prodotti fitosanitari;
    individuazione e applicazione di “buone prassi”, che prevedono la valutazione dei rischi fisici, biologici e la sorveglianza sanitaria;
    realizzazione di una banca dati e di una mappatura dei rischi agricoli, a supporto delle attività di prevenzione.
Qui di seguito sono riportati gli argomenti contenuti nella newsletter:
  1. Il Piano regionale di prevenzione in agricoltura e selvicoltura 2010-2012
  2. Gli infortuni mortali in agricoltura ricostruiti con il metodo sbagliando si impara
  3. La formazione in agricoltura
  4. Il progetto “Io coltivo in sicurezza”
  5. Il rischio lavorativo nel comparto agricoltura in Piemonte
  6. La vigilanza in agricoltura.

Per consultare il documento completo
clicca qui.
blog comments powered by Disqus