You are safer with us

I falsi miti della sicurezza

myth
L'HSE è in grado di fornire, attraverso il Myth Busters Challenge Panel, consulenza alle imprese in modo da evitare decisioni potenzialmente sproporzionate o inesatte, prese in nome della salute e sicurezza. Sono molte le situazioni nelle quali in nome della sicurezza si danno istruzioni che però non hanno nulla a che fare con essa. Vediamo qualche esempio relativo ai settori delle costruzioni e a carattere generale.

Caso 1 - Il cantiere ha detto i dipendenti che non possono indossare pantaloncini al lavoro
Domanda
In un cantiere è stato deciso che i dipendenti non possono indossare pantaloncini al lavoro e sono stati forniti pantaloni impermeabili di plastica ad uno dei dipendenti che si presentò al lavoro in pantaloncini corti.
Risposta
Ci sono alcune situazioni in cui i lavoratori edili avranno bisogno di indossare dispositivi di protezione individuale (DPI), che possono includere pantaloni lunghi. Ad esempio, lavorando con cemento bagnato contro la pelle nuda ci può essere un grave pericolo come le malattie della pelle.

Caso 2 - Main contractor di ingegneria civile insiste sul fatto che le operazioni di sollevamento di routine debbano essere supervisionate
Domanda
Un main contractor di ingegneria civile insiste che le operazioni di sollevamento ripetitive di routine debbano essere direttamente controllate da una persona oltre al lavoratore che opera sulla gru stessa.
Risposta
In normali circostanze di routine non ci dovrebbe essere bisogno di un ulteriore supervisore indipendente, a condizione che l'operatore di sollevamento sia addestrato e competente. Se questo è un requisito presente in tutti gli impianti a prescindere dal rischio, allora appare oltremodo oneroso e sproporzionato utilizzare un'altra persona per le operazioni di routine.

Caso 3 - Una società di manutenzione società ha dichiarato che era obbligatorio per cancelli elettrici la revisione annuale in conformità alle normative vigenti per la sicurezza
Domanda
Una società che fornisce servizi di manutenzione per cancelli elettrici ha detto che è obbligatoria la manutenzione annuale, nell'ambito dei regolamenti di Igiene e Sicurezza vigenti.
Risposta
Non vi è alcun requisito obbligatorio per i cancelli elettrici riguardante la manutenzione/verifica annuale. E' una buona idea avere controlli regolari effettuati sui cancelli secondo le istruzioni del fabbricante. HSE contatterà la società che ha sostenuto che i controlli annuali erano un requisito obbligatorio ai sensi della normativa e chiedendo loro di modificare la loro proposta ai clienti.
A livello generale si definisce
attrezzatura di lavoro: qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto destinato ad essere usato durante il lavoro, mentre all'art. 71 nel Titolo III – USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE
2) oggetto di idonea manutenzione al fine di garantire nel tempo la permanenza dei requisiti di sicurezza di cui all’articolo 70 e siano corredate, ove necessario, da apposite istruzioni d’uso e libretto di manutenzione;
3) assoggettate alle misure di aggiornamento dei requisiti minimi di sicurezza stabilite con specifico provvedimento regolamentare adottato in relazione alle prescrizioni di cui all’articolo 18, comma 1, lettera z)...

In senso lato si potrebbe far rientrare il cancello elettrico fra di esse.

Caso 4 - I lavoratori sono convinti che devono indossare sempre calzature di sicurezza in quanto pensano che il loro lavoro non sempre garantisce la sicurezza
Domanda
Un dipendente non è convinto circa la necessità di indossare dispositivi di protezione individuale (calzature di sicurezza) per l'intero turno di lavoro.
Risposta
La normativa sulla salute e sicurezza richiede l'obbligo di indossare calzature di sicurezza nei casi in cui c'è un reale rischio di lesioni. Non è raro che i datori di lavoro adottino una politica che richiede l'uso di calzature di sicurezza in ogni momento, questo è accettabile se è presente il rischio che le persone non cambierebbero quando necessario le calzature durante il lavoro. Si consigliamo di discutere tra datori di lavoro e dipendenti riguardo a ciò che è veramente necessario. Potrebbe essere che i rischi sono tali che scarpe comode sono un'alternativa preferibile alle calzature di sicurezza che deve essere indossata per un intero turno di otto ore.

Caso 5 - Il datore di lavoro afferma che non si possono indossare occhiali da sole al lavoro per motivi di salute e di sicurezza
Domanda
Un medico ha consigliato al richiedente di indossare occhiali da sole quando c'è il sole in quanto questo da fastidio agli occhi. Qualora il richiedente lavori in un edificio in cui il tetto è del 70% di vetro e questo diventa fastidioso quando si tratta di una giornata di sole. Il medico ha fornito al richiedente una nota per il suo datore di lavoro spiegando i motivi per indossare occhiali da sole. Quando la nota del medico è stata data al datore di lavoro hanno risposto che "
la salute e la sicurezza non permette di indossare occhiali da sole sul lavoro".
Risposta
Non esistono regolamenti HSE che impediscano ai dipendenti di indossare occhiali da sole. Sulla base della documentazione presentata la decisione di vietare gli occhiali da sole, che sono stati consigliati per motivi medici, non è ragionevole ed è più probabile che sia una comoda scusa - per evitare di creare un precedente.
blog comments powered by Disqus