You are safer with us

Scale portatili

storm_training_volunteer_ladder_roof_large
Il Gruppo di Lavoro “Lavori in quota” della regione Lombardia ha individuato nell’uso della scala una condizione operativa connotata da elevata pericolosità caratterizzata, inoltre, da una pressoché nulla percezione di pericolo da parte di tutti i soggetti operanti nel cantiere.
Il Gruppo di Lavoro “Lavori in quota” della regione Lombardia ha individuato nell’uso della scala una condizione operativa connotata da elevata pericolosità caratterizzata, inoltre, da una pressoché nulla percezione di pericolo da parte di tutti i soggetti operanti nel cantiere. Per contrastare questa diffusa sottostima del rischio generato dal diffuso cattivo utilizzo delle scale, il Gruppo di Lavoro ha predisposto indicazioni operative di facile utilizzabilità in cantiere da parte delle persone che vi operano, per fare sì che le scale portatili siano considerate non già strumenti di libero utilizzo a fronte di qualsivoglia bisogno, ma bensì attrezzature d utilizzo mirato per accessi a luoghi elevati e per posizionamenti in relazione a lavori di piccola entità e breve durata. Le Linee Guida realizzate si compongono di tre parti:
  • una parte generale
  • “schede di attività”
  • check list scala.
    La parte generale è articolata nei seguenti paragrafi:
  •   Definizione dei termini utilizzati nella Linea Guida
  •   Riferimenti normativi sia in termini di disposizioni legislative che in termini di norme di buona tecnica e di presunzione di conformità
  •   Le misure generali di sicurezza nell’utilizzo delle scale
  •   Concetti di base in materia di sorveglianza e sanitaria e idoneità

    Le “schede di attività” riguardano i seguenti 11 possibili utilizzi in cantiere delle scale portatili: Opere di scavo di pozzi, cunicoli, trincee ecc..
  •  Posizionamento di manufatti per il getto di pilastri e travature con successiva messa in opera di solai prefabbricati e non, ossia il cosiddetto “banchinaggio”.
  • Realizzazione dei pilastri in C.A.
  •  Superamento di dislivelli per passaggio da solaio a solaio.
  •  Movimentazione di monoblocchi di cantiere quali baracche, casseri e ferri da armatura.
  •  Lavori di assistenza ai fini della realizzazione di impianti
  •  Esecuzione e manutenzione di impianti
  •  Attività di smontaggio e smantellamento di strutture ed impianti. (strip out)
  •  Apertura e chiusura della copertura superiore degli automezzi telonati.
  •  Esecuzione di finiture ed intonaci
  •  Posa e disarmo dei casseri di armatura
Ogni scheda a sua volta è suddivisa in 9 parti:
  • Descrizione del contesto operativo
  • “Liceità” di utilizzo delle scale portatili
  • Descrizione dei punti di appoggio alla base ed alla sommità
  • Dislivello prevedibile fra base e sommità
  • Descrizione della funzione svolta dalla scala portatile
  • Durata prevedibile dell’utilizzo
  • Descrizione del contesto organizzativo di utilizzo della scala
  • Priorità nella tipologia di scala da utilizzarsi preferibilmente nella specifica circostanza
  • Prescrizioni e divieti riferiti alla specifica circostanza di utilizzo della scala
Oltre alle suddette linee guida segnaliamo le Linee Guida dell’ISPESL non proprio recenti ma sempre attuali.

Per un approfondimento consultare la pagina
download.
blog comments powered by Disqus