You are safer with us

Edilizia: otto regole vitali

983524565_3ceb8ff7f7_o
Anche se negli ultimi anni è aumentata la sicurezza per le macchine e le installazioni tecniche in generale, il pericolo di infortunio è sempre presente. Spesso è proprio il comportamento a rischio dei lavoratori a provocare un infortunio.
I motivi sono diversi: le regole apprese durante la formazione vengono disattese, in alcune aziende manca un codice comportamentale interno e spesso i lavoratori sono lasciati liberi di comportarsi come meglio credono.
Il SUVA suggerisce di elaborare e fissare le norme di sicurezza e di comportamento in stretta collaborazione con i dipendenti.
Non solo in questo modo è più facile che le regole siano maggiormente accettate, ma si può anche trarre utili spunti da eventuali obiezioni, proposte di miglioramento e osservazioni.
In questa sede saranno analizzate le "Otto regole vitali per chi lavora nell’edilizia".
Regola 1: Mettiamo in sicurezza le aperture nel vuoto a partire da un'altezza di caduta di 2m.
Lavoratore: non lavoro mai in prossimità di un’apertura nel vuoto. Per prima cosa metto in sicurezza i bordi aperti oppure segnalo il pericolo al mio superiore. Avverto anche i colleghi del pericolo.
Superiore: faccio sempre mettere in sicurezza i punti pericolosi. Provvedo affinché sul posto sia disponibile il materiale necessario per farlo. Faccio subito rimediare alle carenze riscontrate.
Regola 2: Mettiamo subito in sicurezza le aperture nel pavimento.
Lavoratore: se scopro delle aperture non protette nel pavimento, le metto in sicurezza con coperture resistenti alla rottura e solidamente fissate. Se manca il materiale, segnalo il pericolo al superiore e metto in guardia i colleghi di lavoro.
Superiore: verifico il cantiere regolarmente e faccio mettere in sicurezza le aperture nel pavimento con coperture resistenti alla rottura e solidamente fissate.
Regola 3: Manovriamo le gru secondo le regole e imbrachiamo i carichi in modo sicuro.
Lavoratore: senza la patente da gruista non manovro una gru. Imbraco i carichi solo se sono stato appositamente istruito in materia.
Superiore: mi preoccupo che le gru siano manovrate solo da chi è in possesso della regolamentare patente da gruista. Impieghiamo solo gru collaudate. I carichi vengono imbracati da persone appositamente istruite a tale riguardo.
Regola 4: A partire da un’altezza di caduta di 3m montiamo il ponteggio per facciate.
Lavoratore: se manca il ponteggio, in prossimità della facciata non lavoro. Segnalo l’irregolarità al superiore e metto in guardia i colleghi di lavoro.
Superiore: se manca il ponteggio, sospendo i lavori in prossimità delle facciate. Se la sicurezza non è garantita, sospendo i lavori sui posti di lavoro in questione.
Regola 5: Controlliamo i ponteggi ogni giorno.
Lavoratore: salgo solo su ponteggi sicuri. Se noto una carenza, la segnalo immediatamente al mio superiore e metto in guardia i colleghi di lavoro.
Superiore: faccio eliminare immediatamente le irregolarità. Se la sicurezza non è garantita, sospendo i lavori sui posti di lavoro in questione.
Regola 6: Realizziamo accessi sicuri a tutti i posti di lavoro.
Lavoratore: utilizzo solo accessi sicuri. Se mancano, segnalo il problema al mio superiore e avverto i colleghi di lavoro.
Superiore: provvedo affinché gli accessi siano sicuri. Faccio in modo che sia disponibile il materiale necessario sul posto. Quando mi segnalano delle irregolarità, intervengo senza esitare.
Regola 7: Utilizziamo i dispositivi di protezione individuale.
Lavoratore: sul lavoro mi porto i dispositivi di protezione necessari e li uso sempre.
Superiore: mi assicuro che i dipendenti ricevano i dispositivi di protezione necessari e che li utilizzino. Sono io il primo a usarli.
Regola 8: Mettiamo in sicurezza gli scavi a partire da una profondità minima di 1,5 m.
Lavoratore: non scendo mai in scavi pericolosi. Se riscontro delle carenze, lo segnalo al mio superiore e metto in guardia i colleghi di lavoro.
Superiore: faccio mettere in sicurezza gli scavi, prima che vengano utilizzati dai lavoratori. Provvedo affinché i dispositivi di sicurezza si trovino sul posto al momento giusto.
Verificate che i dipendenti rispettino le regole e lodateli quando si comportano correttamente. Un gesto di apprezzamento non solo è più motivante se è sincero, ma è anche molto più efficace di una punizione.
In caso di comportamento non conforme alle norme, intervenite subito. Se notate che spesso si tende a non rispettare certe regole, cercate di individuare le ragioni di un simile comportamento:
● se necessario, rivedete le regole;
● discutete chiaramente con i diretti interessati delle regole concordate e chiedete i motivi del loro mancato rispetto. Rispondete a domande e obiezioni dando sempre una spiegazione accurata;
● se necessario, ripetete le istruzioni date;
● se i vostri sforzi si rivelano inutili applicate delle sanzioni (avvertimento orale e scritto, sospensione, trasferimento e/o modifica della mansione, in casi estremi, licenziamento del dipendente).
I supervisori devono essere i primi a dare il buon esempio.
Se vuoi consultare l'opuscolo clicca qui.
blog comments powered by Disqus