You are safer with us

Esposizione professionale amianto: misure con il META

META
La Direzione Generale del Lavoro (DGT) ha condotto una serie di misurazioni delle polveri di amianto in fibre analizzati da META (microscopio elettronico a trasmissione analitica). L'INRS (Institut national de recherche et de sécurité) ha preparato una relazione e un riassunto che mostra i risultati di questa campagna. La fattibilità del controllo delle fibre da parte di questo metodo è confermata. Vengono proposte le raccomandazioni del INRS sulla metrologia e il controllo dei limiti di esposizione professionale, le misure di prevenzione.
La campagna di misure si è svolta in cantiere in situazioni reali di lavoro. Sono stati analizzate 25 diverse tipologie di cantiere. La strategia di misura ha previsto l'esecuzione di due misure della durata di due ore, due volte al giorno, per un totale di 4 rilievi per cantiere. Read More...
Comments

Malattia professionale e responsabilità

cassazione
Cassazione Civile, Sez. Lav., 23 settembre 2010, n. 20142 - Amianto
L'esonero del datore di lavoro dalla responsabilità civile per infortunio sul lavoro o malattia professionale opera esclusivamente nei limiti posti dall'art. 10 del d.P.R. n.1124 del 1965 e per i soli eventi coperti dall'assicurazione obbligatoria, mentre qualora eventi lesivi eccedenti tale copertura abbiano comunque a verificarsi in pregiudizio del lavoratore e siano casualmente ricollegabili alla nocività dell'ambiente di lavoro, viene in rilievo l'art. 2087 cod. civ., che come norma di chiusura del sistema antinfortunistico, impone al datore di lavoro, anche dove faccia difetto una specifica misura preventiva, di adottare comunque le misure generiche di prudenza e diligenza, nonché tutte le cautele necessarie, secondo le norme tecniche e di esperienza, a tutelare l'integrità fisica del lavoratore assicurato. Anche tale responsabilità datoriale non è, peraltro, configurabile ove il nesso causale tra l'uso di una sostanza e la patologia professionale non fosse configurabile allo stato delle conoscenze scientifiche dell'epoca, sicché non poteva essere prospettata l'adozione di adeguate misure precauzionali.
Read More...
Comments

Opuscolo amianto ASL Mantova

ASL_MN
Nell’ambito del Progetto Inail “Formazione e informazione. Esposizione ad amianto nei diversi comparti produttività”, l’ Asl di Mantova ha redatto un “Opuscolo informativo” che tratta la natura dell’amianto, la sua pericolosità, la bonifica di amianto in matrice compatta, friabile, su mezzi rotabili, rifiuti materiali sostitutivi. L'opuscolo è rivolto a chi opera a vario titolo nel settore delle bonifiche da amianto, ma che potrebbe anche incontrare l’interesse di un comune lettore sensibile ai temi della salute e dell’ambiente, o anche di un amministratore pubblico attento alla gestione del proprio territorio, concretizza il risultato del progetto Inail. Read More...
Comments

Amianto: come conoscerlo ed intervenire correttamente

asbestos6
Manipolare i prodotti contenenti amianto in matrice friabile è estremamente pericoloso, in quanto basta una minima sollecitazione per provocare il rilascio di fibre e la loro dispersione nell'aria in elevate concentrazioni. I lavori che comportano un elevato rilascio di fibre d'amianto devono pertanto essere affidati soltanto a ditte specializzate in bonifiche da amianto.
La probabilità che un materiale rilasci fibre di amianto può essere quantificata in base a tre classi di pericolo. Questa valutazione si basa su valori empirici comprovati da numerose misurazioni.
Il rilascio di fibre e il conseguente rischio per la salute è in linea di massima più elevato con l'amianto in matrice friabile rispetto a quello in matrice compatta. È anche importante considerare il modo in cui i materiali vengono lavorati.
Read More...
Comments

World Trade Center: rischio amianto

aerial-photography-world-trade-center-new-york-city
Il concetto di World Trade Center è stato progettato nel 1960 dal Centro-Lower Manhattan Development Association. Volevano rivitalizzare il basso tratto di strada che era dominato da negozi di elettronica. David Rockefeller, il fondatore dell'associazione, spinse molto per il progetto di rivitalizzazione, insistendo sul fatto che sarebbe a beneficio di tutti gli abitanti di New York.
I piani per la costruzione del centro sono stati avviati nel 1962, e la costruzione è iniziata nel 1966. Per creare il sito per il World Trade Center, che occupava 16 ettari di terra, sono state chiuse cinque strade e sono stati demoliti 164 edifici. La torre nord è stata aperta nel dicembre del 1970 e la torre sud nel gennaio del 1972. Al momento della loro costruzione, erano il quinto e il sesto edificio più alti nel mondo. Read More...
Comments